“La sofferenza del Belgio” – Hugo Claus

Dietro l’apparente leggerezza, scorrevolezza, linearità impressa alla narrazione, “La sofferenza del Belgio” è un romanzo complesso sia per scelte stilistiche(cambi di ritmo, alternarsi di narrazione e rimandi a soggettività interiori, evocazioni di immagini che trascendono il testo, metafore)sia per la numerosità di riferimenti storico-letterari-culturali al mondo e alla tradizione fiamminga e, in ultimo, e soprattutto, per il modo di raccontare la cupezza che incombe su tutto ciò che vi accade.

Cupezza derivante non solo dalle vicende storiche in cui il romanzo è immerso: 1939/40 scoppio della guerra e invasione e occupazione del Belgio da parte dei nazisti, ma anche dalle vicende esistenziali, sociali, familiari e di contesto ambientale di cui “La sofferenza del Belgio” narra. C’è la cupezza dell’opprimente e asfissiante ambiente e contesto religioso e culturale cattolico che permea e scandisce l’esistenza di quasi tutte le vite che si affacciano sulla scena del romanzo, laddove la diffusa devozione incorpora un senso oscuro e malsano di sottomissione e di colpa costanti.

C’è la cupezza di un irrisolto conflitto tra ricerca dell’identità fiamminga e sua relativa affermazione e il Belgio, vissuto come altro da sé, entità statuale, culturale, linguistica separata e lontana dalle Fiandre, sostanzialmente vissuto come nemico del popolo fiammingo, laddove poi tale ricerca ha esiti frustranti e in certo senso velleitari. C’è la cupezza della famiglia o meglio delle famiglie numerose e assai allargate, all’interno delle quali vige un insieme di obblighi sociali, riti, gerarchie a cui sono subordinati i reali affetti e desideri. Un campionario di vite per lo più infelici e irrisolte, dove l’impossibilità di una reale emancipazione e di una effettiva libertà viene riempita da solitarie vie di fuga, ma mai definitive, bensì messe in atto in modo ripetitivo, uguali a se stesse e come tali destinate irrimediabilmente a cristallizzarsi.

Un universo esistenziale, sociale, culturale dominato da un profondo senso di debolezza, dove il singolo con la sua individualità e soggettività tende a scomparire, dominato da forze collettive potenti e superiori a lui: la chiesa, lo stato, i tedeschi, le convenzioni e le norme sociali,le gerarchie familiari, rispetto alle quali solo attraverso il rifugiarsi in mondi immaginari e fantasiosi è possibile recuperare una propria libertà interiore e identità.

Detto questo “La sofferenza del Belgio” pur avendo questa connotazione storico sociale che fa da background non è un romanzo storico. E’invece e soprattutto un canto a suo modo dolente e poetico su quella umanità descritta da Claus che pur tra dolori e solitudini, si inventa e si ritaglia piccoli momenti di felicità,segreti nascosti, passioni interiori, fughe nel fantastico e nell’immaginario, piccoli piaceri della vita, illusioni e sogni, divertimenti e godimenti, non diversamente peraltro da quello che accade alla gran parte degli esseri umani. Un romanzo di grande umanità, in cui un’intensa e profonda capacità di dare voce ai sentimenti più diversi si coniuga con un’altrettanto profonda capacità di dare uno specifico spessore storico ai personaggi e alle vicende raccontate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...