“Sotto il vulcano” -Malcolm Lowry

“Sotto il vulcano” è un libro che, soprattutto all’inizio, può risultare ostico e difficile. Prima di arrivare a capire che cosa stavo leggendo ho patito, per diverse decine di pagine, la frustrazione della quasi totale incomprensibilità. Poi, man mano che andavo avanti, ho cominciato a capire che mi trovavo di fronte a qualcosa di assolutamente fuori dal comune, pieno di cose geniali, capace di evocare immagini e pensieri unici, dotato di una creatività straordinaria.

Il problema e la bellezza di “Sotto il vulcano” più ancora che in ciò che si dice sta nel modo come lo si dice. Il suo fascino e la sua difficoltà è in quel suo linguaggio ubriaco e ubriacante e nella continua sovrapposizione e intersecazione di differenti piani narrativi e descrittivi.

Leggi e rileggi scopri che quegli inserti che interrompono la narrazione principale, a prima vista privi di senso, di cui è costellato, sono in realtà espansioni di significati, modi diversi di dire le cose, che aggiungono e non tolgono senso, che ampliano le possibilità di immaginazione.

Superato lo spaesamento iniziale ti trovi introdotto in un’altra dimensione di percezione e visione delle cose e del linguaggio: vulcanica, febbrile, sfasata, imprevedibile,vorticosa, alterata, comica e feroce al tempo stesso. Io l’ho trovato assolutamente straordinario e, a ragione, secondo me, è una delle cose più belle di tutto il novecento e non solo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...